Laboratori “live”

Per arrivare ancora di più al cuore delle persone, portandole “dentro” l’esperienza, sono previsti alcuni laboratori gestiti da produttori ed artigiani, oltre che da esperti “esterni”. La partecipazione è libera e gratuita, senza necessità di prenotazione.

Venerdì 30 Settembre, alle ore 18, si comincia con la “trafila” laboriosa e seducente del cioccolato, sviluppata da Giulia Capece, Chocolate Taster ufficialmente riconosciuta nonchè titolare del Laboratorio Dolciario Artigianale “Il Frutto della Passione”. Un percorso ad ampio raggio fra cioccolato mono origine, cioccolato bianco, spalmabili con olio evo, raffinata pralineria, abbinando sempre al singolo prodotto le giuste tecniche di lavorazione e di degustazione.

Sabato, doppio appuntamento: alle ore 17, vento d’Oriente  con la Ceramica Raku, che esalta sì la semplicità delle forme ma attraverso tecniche estremamente originali basate sullo “shock termico”; un connubio armonioso di linee e colori “orchestrato” dalla B.A.R. con la partecipazione straordinaria dei Maestri Salvatore Scalese “Sasaska” e Peppe Cicalese. Alle ore 18, occhi puntati sul Maestro Pizzaiolo Antonio Maisto, titolare di “Signora Pummarulè”: a lui il compito di svelare i trucchi della pizza, dalla lavorazione dell’impasto alla scelta dei migliori ingredienti, fino ai “segnali” di una cottura ottimale; una lezione utilissima a tutte la signore desiderose di conoscere i segreti della pizza fatta in casa.

Domenica, addirittura 3 momenti: dopo il bis del laboratorio Raku, viaggio nel processo produttivo in chiave casearia con Mauro Coppola (Caseificio Casanatura); dalla mungitura alle nostre tavole, tutte le possibili trasformazioni ed evoluzioni del latte, con tanto di dimostrazione pratica della produzione di mozzarella. La dottoressa Gabriella Siciliano, biologa-nutrizionista, guiderà invece il pubblico alla comprensione delle norme fondamentali della corretta alimentazione, soprattutto per bambini e adolescenti.

Durante tutte e 3 le giornate, presenza costante di Nicola Mari del Gruppo Arcieri Roberto il Guiscardo. Non solo intrattenimento, ma anche apprendimento di un’arte antichissima che richiede notevoli doti mentali, fisiche e tecniche.